Delegazione Regionale Ligure

È un organismo di coordinamento e di collegamento tra le Caritas Diocesane della Regione Ecclesiastica Ligure con le seguenti finalità:

  1. Realizzare gli indirizzi e le delibere della Conferenza Episcopale Ligure (CEL) in ordine alla testimonianza della carità.
  2. In conformità con le indicazioni della CEL, collaborare con altri coordinamenti regionali o uffici diocesani al fine della realizzazione di progetti socio-pastorali che necessitano il coinvolgimento della Delegazione.
  3. Collegare e coordinare tra loro le Caritas Diocesane: per una lettura comune dei bisogni presenti sul territorio, per realizzare insieme progetti ed interventi nell’ambito della promozione umana e della mondialità, per stimolare le comunità ecclesiali in ordine ad una maggiore presa in carico della situazione della povertà, per individuare comuni percorsi formativi.
  4. Stimolare la comunità civile e, in particolare, le istituzioni pubbliche (regione, provincia, comune) al fine di una consistente presa in carico dei bisogni dei soggetti più poveri ed emarginati.

É presieduto dal Vescovo incaricato per la testimonianza della carità dalla CEL, è costituito dal Delegato regionale Caritas e dai direttori delle Caritas Diocesane.

IL DELEGATO REGIONALE

Viene nominato dalla CEL tra i direttori delle Caritas Diocesane. Il Delegato Regionale ha le seguenti mansioni:

  1. Collega in maniera stretta la Delegazione regionale con la CEL.
  2. Partecipa al Consiglio Nazionale della Caritas Italiana e ne informa la Delegazione.
  3. Mantiene e stimola i collegamenti tra le Caritas Diocesane, le assiste nella loro attività, ne guida le iniziative comuni, specialmente quelle di carattere formativo.
  4. Stimolare la comunità civile e, in particolare, le istituzioni pubbliche (regione, provincia, comune) al fine di una consistente presa in carico dei bisogni dei soggetti più poveri ed emarginati.
  5. Su indicazione della CEL e degli altri direttori, cura i rapporti istituzionali con la Regione Liguria e con tutti i soggetti del pubblico e del privato sociale in merito a progetti che interessano le Caritas Diocesane della Liguria.

MEMBRI DELLA DELEGAZIONE

S.E. Mons. Marino Calogero, Vescovo di Savona-Noli, delegato della Conferenza Episcopale Ligure per la carità e la salute

don Adolfo Macchioli, codirettore Caritas Diocesana Savona-Noli, delegato regionale

don Marino Poggi, direttore Caritas Arcidiocesi Genova

don Angelo Di Lorenzo, direttore Caritas Diocesi Ventimiglia-Sanremo

don Alessio Roggero, direttore Caritas Diocesi Albenga-Imperia

Alessandro Barabino, codirettore Caritas Diocesi Savona-Noli

don Enrico Bacigalupo, direttore Caritas Diocesi Chiavari

don Luca Palei, direttore Caritas Diocesana La Spezia-Sarzana-Brugnato

don Francesco Larocca, direttore Caritas Diocesi Tortona

GRUPPI NAZIONALI

Lo Statuto di Caritas Italiana individua tre principali destinatari dell’azione Caritas: poveri, Chiesa, mondo. Da questi derivano tre insiemi di attenzioni a cui la Caritas in Italia è chiamata ad essere fedele. Nascono così i tre Gruppi nazionali di Caritas Italiana:

  • Gruppo nazionale Promozione Caritas
  • Gruppo nazionale Promozione mondialità
  • Gruppo nazionale Promozione umana

I Gruppi nazionali sono luoghi unitari di:

  • condivisione delle esperienze delle Caritas diocesane
  • sviluppo di percorsi di riflessione e approfondimento sulle tematiche relative alle attenzioni succitate
  • individuazione di concrete piste di lavoro.

Compiti dei Referenti regionali

L’individuazione di tre attenzioni principali favorisce l’organizzazione di un lavoro unitario all’interno della Caritas ad ogni livello e la definizione degli ambiti di lavoro in Delegazione regionale. Ogni Delegazione ha infatti individuato un referente per ciascun Gruppo nazionale (vedi nelle sezioni dedicate) cui è richiesto un impegno orientativamente triennale. Ne deriva la possibilità di costituire una Equipe che affianchi il delegato, costituita dai tre referenti regionali.

Principali compiti dei referenti regionali all’interno della Delegazione

  • richiamare la Delegazione allo specifico insieme di attenzioni pastorali perché il lavoro sia il più possibile equilibrato e fedele all’intero mandato Caritas
  • conoscere le esperienze delle diverse Caritas diocesane in ordine alle specifiche attenzioni pastorali
  • costruire luoghi unitari di condivisione e rilettura delle esperienze
  • proporre attività di promozione e formazione.

Principali compiti dei referenti regionali nell’ambito dei Gruppi nazionali

  • portare le diverse esperienze delle Caritas diocesane
  • valutare le proposte di Caritas Italiana alla luce delle esigenze delle Caritas diocesane
  • contribuire alla realizzazione di progetti nazionali, che cioè sono proposti alle Caritas diocesane anche attraverso la valorizzazione di luoghi regionali.

REFERENTI REGIONALI

Alessandro Barabino, codirettore Caritas Diocesi Savona-Noli, delegato gruppo nazionale promozione mondialità

don Luca Palei, direttore Caritas Diocesana La Spezia-Sarzana-Brugnato, delegato gruppo nazionale promozione Umana

don Alessio Roggero, direttore Caritas Diocesi Albenga-Imperia, delegato gruppo nazionale promozione Caritas